PARIGI, Musée des Art Décoratifs

Apre le porte per onorare i 70 anni di attività della Maison DIOR la mostra COUTURIER DU REVE.

Una collezione di oltre 300 ABITI accompagnati da illustrazioni, bozzetti, fotografie, manoscritti. Divisa in tre navate, la mostra illustra dagli anni ’47 ai giorni nostri  la storia della Maison attraverso i direttori artistici che si sono susseguiti : da Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simon fino all’attuale Maria Grazia Chiuri.

Nella prima parte si racconta la storia dello stilista, prima in realtà regista insieme agli amici Jacques Bonjean e Pierre Colle, fu attorniato anche da grandi nomi nella sua vita tra i quali Dalì, Giacometti, Calder, Christian Bérard, Max Jacob e Jean Cocteau.

Amante dell’Arte e dell’epoca settecentesca, collezionista, le sue creazioni prendono spunto da grandi opere ma anche dalla natura e dai fiori, molte dei suoi abiti nascono nei giardini del castello di Colle Noir e definiscono lo stile Dior.

Una sala ospita la ricostruzione dell’entrata della Maison Dior in Avenue Montaione e il famosissimo abito con gonna nera a corolla e giacchino bustier che segna il punto vita.

In questa esposizione si possono ammirare oltre ad abiti, cappelli, scarpe e borse, oggetti d’Arte  provenienti da numerose collezioni private e da grandi musei quali il Louvre, Versailles, L’Orangerie , Musée D’orsay, e le Centre Pompidou. Le creazioni interagiscono con mobili, dipinti e oggetti di varie epoche e stili.

CHRISTIAN DIOR negli anni della guerra riuscì a far riaffermare il ruolo secolare di Parigi capitale della Moda.

L’ultima navata della mostra è stata trasformata in sala da ballo e ospita gli abiti più sontuosi tra i quali spiccano quelli indossati da grandi nomi come Diana, Grace di Monaco, Charlize Theron.

PARIGI, Musée des Art Décoratifs,

5 luglio 2017 / 7 gennaio 2018

 

 

Immagini da Dior e le Musée des Art Décoratifs