RINASCENTE LOVES DESIGN

In Rinascente va in scena il Design

Ogni anno, durante il Salone Internazionale del Mobile e Miart, Rinascente si fa più che mai contenitore e diffusore di creatività. Scelta dai migliori brand per lanciare le loro nuove collezioni e dai designer per presentare la loro visione, con installazioni poetiche, allestimenti coinvolgenti e progetti innovativi, Rinascente promuove una manifestazione che detta tendenze, rilegge gli stili del passato e ne lancia di nuovi.

Un’attenzione speciale è sempre dedicata all’arte, attraverso la commissione di progetti culturali ad artisti internazionali. Quest’anno è la volta del georgiano Vajiko Chachkhiani, selezionato per rappresentare la Georgia alla Biennale di Venezia 2017. Per Rinascente crea due progetti site-specific: Under the Midday Sun e Cotton Candy. Il primo è un’installazione di grande impatto visivo che trasforma completamente le 8 vetrine su piazza Duomo, il secondo è un film dal mood intimista che verrà proiettato sul muro di annex in via Santa Radegonda.

Ma non sono solo gli artisti affermati a trovare spazio in Rinascente, anche i protagonisti del design di domani ricevono l’attenzione che solo i veri mecenate dedicano ai talenti emergenti. Anche quest’anno, ed è ormai il sesto consecutivo, Rinascente rinnova la partnership con SaloneSatellite/FederlegnoArredo Eventi affinché i candidati promossi dalSaloneSatellite 2018, tra i 650 partecipanti, possano esporre e vendere i loro prodotti al Design Supermarket. L’edizione di quest’anno ha come tema “Africa / America Latina: Rising Design – Design Emergente” e accende i riflettori sul Sud del Mondo: Africa e America Latina, due vastissimi bacini di creatività e design. Prepariamoci quindi a progetti di grande ispirazione.

Così prende vita un evento eclettico e coinvolgente, che fa del flagship store milanese una tappa obbligata per tutti gli appassionati di design, alla ricerca di nuovi punti di vista sulla più contemporanea delle forme d’arte.

UNDER THE MIDDAY SUN | WINDOWS PROJECT

Il progetto ridisegna le vetrine che si affacciano su piazza Duomo e invita il pubblico a entrare in un universo in cui la natura trasforma ogni elemento. Niente rimane lo stesso sotto l’effetto del suo vortice. Le installazioni si raccontano attraverso 8 prototipi, che rappresentano sculture non finite di tre soggetti: un individuo che raccoglie cotone, muscoli di cavallo e una tigre, circondati da cespugli secchi, alberi e soprattutto dal vento. È il vento che modifica fisicamente le sculture con il passare del tempo, è il vento che le porterà a scomparire. Questa scomparsa graduale richiama metaforicamente il sacrificio del lavoro fisico, poiché chi raccoglie cotone percepisce una paga minima. Adesso come in passato. La doppia natura, storica e contemporanea, del progetto è molto ben rappresentata dalla qualità stessa delle sculture: una parte di esse è la ricostruzione di pezzi storici, una parte di pezzi moderni. Un progetto sorprendente e radicale che rende tangibile come le forme sono condizionate dalla Natura. E dalla Vita.

(Fonte) https://www.rinascente.it/mobile/views/events/detail.aspx?eventType=event&eventID=12848#/it